CENNI STORICI:

 

Nel lontano 1951 nasceva in Biella la Sezione dell'allora "Associazione Radiotecnica Italiana" poi chiamata "Associazione Radioamatori Italiani".
Uno sparuto gruppo di Radioamatori, SWL e simpatizzanti, che lo Statuto d'allora accettava come Soci Effettivi, si riunirono nella Trattoria ALTA ITALIA, ancora oggi esistente, per gettare le basi di quella che poi sarebbe divenuta la Sezione ARI di Biella.

Tra i promotori di questa iniziativa spicca la figura dell'Ing. Ferruccio Piscia I1AE (*6 gennaio 1983 - 5 marzo 1966), che nel 1927 fu Socio Fondatore dell’Associazione Radiotecnica Italiana e nel 1951 assunse la carica di primo Presidente della neonata Sezione.
I1AE Ingegnere in elettrotecnica, insegnante presso Istituti Tecnici e Consulente presso il Tribunale di Biella, OM sin dai primi vagiti del Radiantismo, le sue Prime QSL risalgono ai primi anni venti, sempre pronto a disquisire su argomenti tecnici con chiunque dispensando disinteressatamente il suo sapere, sia con tecnici ferrati che con semplici futuri OM desiderosi di permearsi dei suoi consigli.
Molto istruttive le animate discussioni tecniche con l’autodidatta I1ALX Renato (SK) al quale riconobbe sempre grandi doti di tecnico e autocostruttore
.
Foto di I1AE

Foto di I1PBX Altro grande OM appassionato della radio come mezzo di comunicazione fu il carissimo I1BPX Virginio Gilardino, mutilato del lavoro, che in quei frangenti si accollo' la Segreteria della Sezione e nella sua Tabaccheria (quanti francobolli usati per la corrispondenza non furono mai denunciati alla inflessibile consorte) che si affacciava sulla via principale di Biella organizzandovi la sede provvisoria, per modo di dire perche' quel ritrovo funziono' per anni.
Negli anni sessanta I1BPX resse, come Presidente, le sorti della Sezione per moltissimi anni in modo encomiabile.

I1BPX era una persona con cordialita' e comunicabilita' estreme, che associate ad un carattere giovale ed estroverso, lo rendevano punto di riferimento per tutti i Soci che lo stimavano per il suo carattere e per i saggi insegnamenti che distribuiva senza remore.

Ascolta un QSO di I1BPX  (858 KB)


La Sezione A.R.I. di Biella e' stata sempre retta da ottimi elementi che l'hanno portata ad essere, all'inizio degli anni novanta, una delle piu' numerose del Piemonte; oggi purtroppo risente anch'essa del calo di Associati che angustia tutta l'A.R.I.

Molti momenti significativi sono stati opera di Soci della Sezione di Biella.

  • I1 primo collegamento 144 Mhz in fonia Italia - Belgio e' appannaggio di un Socio della nostra Sezione.
  • Nel 1968 l'alluvione nel Biellese distrusse vite umane, case, fabbriche e strade ma non la forza e l'orgoglio dei Biellesi che seppero riorganizzarsi avviando la ricostruzione e gli OM Biellesi non furono da meno sapendo dimostrare con grande semplicita', coraggio e capacita' il loro altruismo nei confronti di quelle genti cosi' gravemente colpite.
    In quell'occasione una piccola radio ricetrasmittente sulla frequenza di 144 Mhz alimentata a batterie autocostruita da un socio e operata da valenti operatori fu per giorni, l'unico mezzo di comunicazione con la base radio operativa che si insedio', per vicende casuali, a casa di un altro socio residente in città; con quella flebile traccia furono salvate vite umane e coordinati gli aiuti piu' urgenti.
    Questa gloriosa apparecchiatura, donata dal costruttore, e' gelosamente custodita nei locali della Sezione.
    Ringraziamenti giunsero, in veste di diploma, dalla Presidenza della Repubblica per tutti quegli operatori che, altruisticamente, s'impegnarono in questa umana azione di soccorso.
    Anche il Comune di Biella riconobbe l'impegno di tutti i Soci procurando una vera sede per la sezione, locata nella parte alta della citta' nella quale, sino all'avvento dell'organizzazione di Protezione Civile oggi esistente, furono installate, sfruttando la posizione dominante sul Biellese, apparecchiature, antenne, generatori di corrente e tutto quanto potesse servire nel deprecato caso di future calamita'.
  • Durante i tragici giorni del terremoto nel Friuli fu organizzato per alcuni giorni, nei locali della sezione, una sala radio per effettuare collegamenti con quelle zone, sprovviste di altri mezzi di comunicazione, per la ricerca di persone che i parenti nel Biellese richiedevano e per comunicare, alle autorita' preposte, l'elenco degli oggetti di prima necessita'.
  • 1° Ottobre 1983 Inaugurazione della vecchia sede in Corso del Piazzo 25, alla quale partecipano numerose autorità civili, militari ed ecclesiastiche.

 

  • Altra importante attivita' svolta da alcuni soci coadiuvati da insigni cardiologi di vari ospedali piemontesi e liguri furono le prime, stressanti e faticose prove di trasmissione di elettrocardiogrammi e altri esami clinici attraverso la radio. Questi esperimenti ebbero un grande successo nell'ambito medico in quanto permettevano, per la prima volta, di assistere un paziente in luoghi inaccessibili con le normali attrezzature ospedaliere.
    Sfruttando innovativi apparati portatili concepiti e realizzati da radioamatori che nostri collaboratori portavano con se' (vedi spedizione ed esperimenti dalla Capanna Margherita situata ad oltre quattromila metri nel gruppo del Monterosa) si riusciva a trasmettere i dati ai centri cardiologici ospedalieri per gli esami del caso; anche in questi frangenti si ebbero significativi e positivi risultati riconosciuti da eminenti studiosi in materia e dalla stampa specializzata.
  • Il 25 e 26 Novembre 1995 in occasione del 1° centenario dell'invenzione della radio, la Sezione ARI di Biella ha ottenuto il nominativo speciale II1BI ed organizzato nei locali del Santuario di Oropa (BI) una sala radio. Da qui diversi OM si sono cimentati nel realizzare moltissimi QSO confermati con  una QSL speciale emessa per l'occasione. La Sezione ha scelto proprio Oropa quale sede di questo avvenimento proprio perchè le stesse parole del Marconi la rendono partecipe dell'intuizione dell'invenzione della Radio.

"Nell'estate 1894 dall'alta montagna d'Oropa,

contemplando il Biellese pensai che l'uomo

poteva trovare nello spazio nuove energie,

nuove risorse e nuovi mezzi di comunicazione."

Guglielmo Marconi

 

 

  • 20 Giugno 1997 La Sezione approva con assemblea straordinaria il nuovo regolamento di sezione. 
  • 16 Marzo 1998 L'assemblea del CRPVA approva il suddetto regolamento
  • 29 aprile 2011 l’Assemblea Straordinaria dei Soci approva alcune variazioni al Regolamento di Sezione
  • 2001 – si ricorda il 50° Anniversario di fondazione della Sezione A.R.I. di Biella     con l’organizzazione della 1ª edizione della Fiera “BiELLARADIO” con QSL dedicata   più annullo Postale ed inoltre il conio di un distintivo a ricordo dell’Anniversario.

 

  • 19 settembre 2008 – Commemorazione centenario della morte  in Candelo (BI) 24 agosto 1908, del Prof. Rosa mentore di G. Marconi  www.aribiella.it/profrosa.htm

busta

  • 28 marzo 2009, centenario premio Nobel a G. Marconi e ricordo del Prof. Rosa  giornatamarconi.htm

    rosa

Sembra ieri ma ... 

Logo 60 e 65 

Passa il tempo ma non la passione per il nostro hobby!

 

Il Consiglio di Sezione, il Collegio Sindacale ed i Soci tutti si uniscono nel ricordo di quei cari Amici, SK, che nel corso di questi lunghi anni ci hanno lasciati per raggiungere altri spazi.